San Michele a Ripa
Ordina per Ordina per

San Michele a Ripa

La tenuta è composta da terreni agricoli ed in parte da area boschiva. La Cantina e l’unità residenziale sono state realizzate in un solo corpo dopo aver demolito la preesistente unità cherisaliva al XIX secolo con le medesime funzioni oggi riattribuite dopo l’abbandono per mancanza di ricambio generazionale e di fuga dalle campagne avvenuto nel corso degli anni 60 del novecento. Le vigne, si sa, dal punto visivo ornano il paesaggio pettinandolo come poche altre colture. La posizione della Proprietà di San Michele a Ripa è un anfiteatro naturale che guarda all’orizzonte sconfinato del prospiciente Mare Adriatico. Ripatransone sorge alla sommità di un crinale ad un altitudine di 500 m.s.l.m. è detta anche Belvedere del Piceno per la vista che si gode osservando l’orizzonte che spazia dalla catena dei Sibillini al Mare Adriatico. La nostra Tenuta è ubicata in un’altura sottostante Ripatransone nel contesto delle 3 contrade: San Michele, Castellano, Brancuna e dista soltanto 7 km da Cupramarittima. Che la Vite sia da sempre presente su queste colline è un fatto certo che risale all’epoca dell’antico popolo dei Piceni che s’insediò praticamente nell’attuale Regione Marche nel corso del 1° millennio a.C. Soltanto nel 3° secolo a.C. i Piceni furono indotti a sottoscrivere accordi con l’Impero Romano, come confermano documenti e reperti di quel periodo, ed in particolare proprio dalla Colonia Romana di Ager Cuprensis, nota con il nome di “Regio V Piceno”, al centro di un’intensa attività di rifornimento delle specialità agricole della zona, grazie al vicino porto e molto apprezzate a Roma. Dove oggi abbiamo impiantato i nostri vigneti risultava preesistente una vecchia vigna di oltre 70 anni.na.