Piantate Lunghe
Ordina per Ordina per

Piantate Lunghe

L’azienda nasce dal fortunato incontro di Amedeo Giustini, alla ricerca di partner per rilanciare la cantina di famiglia, con due cari amici di famiglia Roberto e Guido Mazzoni che hanno aggiunto ai 4,5 ettari della Cantina Giustini i loro 8 ettari di vigna, eccezionali per la posizione e per la cura. Sono vigneti collinari, con una perfetta esposizione a Sud, che degradano dolcemente sulle pendici del monte Conero. Vengono coltivati prevalentemente con Montepulciano, al quale si aggiunge una piccola percentuale di Sangiovese, e regalano, sotto la supervisione dell’agronomo Federico Curtaz, RossoConero doc, docg e Sangiovese.

Il nostro riferimento geografico è il promontorio del monte Conero che si erge sul mare Adriatico e le colline sottostanti che discendono verso l’entroterra creando un paesaggio dal microclima unico: qui, infatti, le brezze marine e un terreno calcareo, povero ma di grande struttura, permettono al vitigno Montepulciano di esprimere nel RossoConero un insieme di sapori, colori e odori impossibili altrove

Quello tra i vitigni e la zona del Conero è un rapporto che del resto si perde nel tempo. L’area sotto il monte fu a suo tempo colonizzata dai Dori, che vi fondarono Ancona. E proprio i coloni greci, dieci secoli prima di Cristo, hanno lasciato tracce sicure di viticoltura e di vinificazione nell’area. Altrettanto si può dire per gli Etruschi ai quali vanno attribuite le prime nozioni tecniche di coltivazione della vite e di elaborazione enologica, che si diffusero anche nel territorio marchigiano dov’erano installati i Piceni. Lo stesso Plinio descrisse un centinaio di varietà di viti coltivate nell’area picena al suo tempo e parlò, fra gli altri, “del vino Pretoriano prodotto nella zona di Ancona”. E, ancora, Apicio Marco Gavio, personaggio romano di arte culinaria, ricorda un vino anconetanum, rosso e piuttosto corposo.

La zona ancora oggi è una meta obbligata per chi ama il vino e un turismo denso di valori e di amore per il territorio: località ricche di fascino come Portonovo, Sirolo e Numana si alternano a una macchia mediterranea di ginestre, corbezzoli e ligustri. Immerso in questo splendido scenario, il visitatore può percorrere la Strada del vino Rosso Conero, alla scoperta delle piccole vigne che, aggrappate a impervi costoni o adagiate su morbide colline, fanno di ogni Conero che qui si produce un vero e proprio cru da apprezzare e assaggiare nelle accoglienti cantine del luogo. Un anello stradale parte da Ancona e vi ritorna dopo aver toccato lo splendido ambiente naturale del Parco del Conero, le colline dell’entroterra verso Loreto e Recanati per raggiungere poi Castelfidardo e Osimo. Impossibile non amare il territorio in cui cresce e matura il vino di Piantate Lunghe.

Un luogo ideale per le uve Montepulciano

L’insieme delle caratteristiche varietali e le condizioni pedoclimatiche consentono a quest’area vitata, protetta dai venti freddi provenienti da nord e dallo stesso Conero, di produrre uve sane, mature e di alto contenuto zuccherino. Il vitigno italico a bacca nera presenta infatti una sua identità e predilige ambienti caldo asciutti ed esposizioni soleggiate per garantire una buona e regolare maturazione dell’uva. Viene allevato con forme in parete e si adatta alla potatura corta. Inoltre, germoglia tardivamente e ciò gli consente di sfuggire ai danni che le gelate primaverili possono arrecare alla vite; è anche, dato significativo, una varietà poco soggetta alla muffa grigia.
Il vitigno a bacca nera più rilevante della zona è il Montepulciano, uno dei più importanti del centro Italia, da cui prende il nome il vino Montepulciano d’Abruzzo DOC e derivano anche il RossoConero e il RossoPiceno. Il Montepulciano, assieme al Sangiovese, rappresenta al meglio la Tradizione “rossa” dell’Italia centrale. Dall’Abruzzo, sua regione d’elezione, si è “spinto” fino alle regioni limitrofe, Umbra e Puglia, e in particolare nelle Marche ha trovato numerose espressioni d’eccellenza.